La vita è nella mente

Cosa porteresti con te nell’aldilà?Vita, morte, esperienze fuori dal corpo e il viaggio della coscienza

Le persone risparmiano per la pensione, ma quanto ci prepariamo per il viaggio dopo la morte? Le culture antiche attribuiscono grande importanza all’aldilà, perché sapevano che la coscienza continuava dopo la morte. Avevano ragione: le esperienze extracorporee rivelano che esistiamo davvero oltre il corpo. Conoscere questa verità dovrebbe ispirarci a cercare nella vita ciò che conta davvero e rimane dopo la morte: coscienza risvegliata.

Qual è il più grande mistero della vita? Secondo una leggendaria Q & A nell’epopea spirituale indiana del Mahabharata, la più grande meraviglia è che innumerevoli persone muoiano ogni giorno, tuttavia coloro che sono rimasti indietro credono che vivranno per sempre.

C’è un noto detto che l’unica certezza nella vita è la morte, ma la nostra società moderna iper-connessa non ispira molto la riflessione su ciò che sta al di là del transitorio.

Le persone mettono da parte i risparmi per la pensione, e alcuni stipulano un’assicurazione sulla vita per prendersi cura dei propri cari. Questo riguarda i bisogni fisici, ma per quanto riguarda i bisogni della coscienza che continua senza il corpo? Quali preparativi sono fatti per il suo viaggio dopo la morte – il viaggio finale di una vita?

Le istituzioni religiose offrono una soluzione ai loro seguaci che di solito dipende dall’adozione di una serie di credenze piuttosto che dalla scoperta spirituale personale. D’altra parte, alcuni scienziati ti diranno con la stessa convinzione che nulla viene dopo la morte, quindi non preoccuparti. Entrambi questi punti di vista dipendono dalla credenza, ma cosa succede se, quando arriva il momento finale, ti rendi conto che hai sprecato la grande opportunità offerta dalla tua vita?

Un’opzione alternativa è scoprire da soli perché siamo qui, e qual è il nostro posto nell’universo, mentre siamo vivi e abbiamo l’opportunità di fare qualcosa con le conoscenze che acquisiamo.

Le antiche culture spirituali attribuivano quasi universalmente importanza ai preparativi e al viaggio dell’individuo nell’aldilà. Comprendevano chiaramente la nostra esistenza estesa oltre i nostri corpi, e che la vita e la morte si vedevano meglio con l’immagine più grande della creazione in mente – come parte di un continuo viaggio di coscienza – con la vita che presenta una straordinaria opportunità di evoluzione cosciente che prendiamo i frutti da dopo la morte.

Questo è stato comprato a casa per me in modo interessante durante un viaggio in una mostra museale che mostra l’antica cosmologia egizia dell’aldilà; mi ha ricordato la natura universale dell’aldilà, e in che modo le esperienze di pre-morte e le esperienze extracorporee ci offrono uno sguardo sulla realtà dell’esistenza al di là del corpo, rivelando che la coscienza del risveglio è ciò che veramente è la creazione.

Con la nostra cultura moderna alla deriva sempre di più nel materialismo miope e nella metafisica superficiale, il bisogno di riscoprire e vivere questo proposito più profondo per la vita, così caro agli antichi, è più importante che mai.

Un viaggio nell’Aldilà dell’antico Egitto

Qualche tempo fa ho avuto la fortuna di avere l’opportunità di fare un tour autoguidato di sola andata attraverso l’antica vita dell’aldilà egiziana, grazie ad una speciale esposizione museale con reperti provenienti dalla collezione del British Museum.

Il museo locale era gremito, e abbiamo dovuto aspettare in fila prima di essere ammessi. Finalmente siamo entrati in un passaggio fiocamente affollato di gente, avvolto da antichi manufatti egizi, opere d’arte, strumenti, scritture e mummie.

La mostra è iniziata con le rappresentazioni della cosmologia egizia antica come questa. Qui la dea del cielo è tenuta sopra la terra.

E ‘stato organizzato in modo che tu abbia intrapreso un “viaggio” dell’aldilà, vicario, palcoscenico, nel modo in cui gli antichi egizi lo avevano capito. Cominciò con esposizioni che mostravano antiche raffigurazioni egiziane della creazione del mondo e culminarono con il giudizio dell’anima e del suo viaggio dopo la morte. In mezzo vi sono stati mostrati manufatti che dimostrano come gli antichi egizi capivano e preparavano la morte.

C’erano antiche pergamene dei testi piramidali in mostra e un’arte antica raffigurante il viaggio dell’anima attraverso l’aldilà. Uno dei temi principali della loro arte era il giudizio e la “pesatura del cuore”, dove il cuore di una persona deceduta era appesantito da una piuma, e il loro destino dipendeva dalle loro qualità interiori e dalla somma delle loro azioni mentre erano vivi.

Verso la fine dell’esibizione hanno avuto un mock up di questo, con una grande serie di scale su cui si poteva appesantire il proprio “cuore” contro una piuma, mentre gli dei egizi guardavano da un murale.

Dopo di ciò, sei passato in una rappresentazione del paradiso egiziano prima di uscire alla luce del sole. Dubito che l’effetto sia stato intenzionale da parte degli espositori, ma dopo aver attraversato il buio corridoio della mostra con le sue rappresentazioni ordinate dell’aldilà, il giudizio e poi entrare nella luce, non ho potuto fare a meno di pensare a resoconti di quasi morte esperienze, in cui le persone spesso riferiscono di passare attraverso un tunnel buio verso la luce, e sperimentano una revisione della vita dove vedono le conseguenze di tutte le loro azioni.

Rappresentazione del “peso del cuore”

La mostra mi ha davvero portato a casa come gli antichi egizi capivano di esistere per uno scopo che andava al di là della vita di tutti i giorni. La morte era una porta per il prossimo stadio dell’esistenza e le loro vite erano l’occasione per prepararsi. Sapevano che non cessiamo di esistere quando moriamo e abbiamo visto la ricerca dell’immortalità attraverso il risveglio della coscienza come il vero scopo della creazione.

Dall’osservazione di artefatti di epoche diverse, è apparso evidente che l’antica comprensione egiziana della morte è cambiata nel tempo. Mi è sembrato che, in origine, l’enfasi fosse sul vivere spiritualmente e ottenere un’immortalità dell’anima, mentre nei periodi successivi la loro comprensione si declinava in interpretazioni più letterali della preparazione del corpo (piuttosto che della coscienza) per l’aldilà attraverso la mummificazione e una preoccupazione con la disposizione della propria sepoltura e tomba con gli incantesimi e gli amuleti giusti.

Ma fui profondamente colpito dal modo in cui attraverso l’esistenza lunga e varia di quella civiltà, l’importanza dell’aldilà regnava sempre suprema, e prepararsi per la vita dopo la morte era assolutamente centrale per l’esistenza. La morte, e quindi la vita, è stata presa molto sul serio.

Non ho potuto fare a meno di notare un forte contrasto tra la nostra cultura moderna e la loro. Era un po ‘come essere in una sorta di distorsione temporale, in cui due culture molto diverse si scontrarono. I manufatti degli Egizi davano un senso della sacralità della vita e della creazione, ma le folle affollate e rumorose di spettatori moderni apparentemente vedevano questa antica preoccupazione per l’aldilà come semplice novità e divertimento.

Quanto diverso era l’antico Egitto per la nostra società moderna, dove la realtà e l’inevitabilità della morte sono date poco pensiero o preparazione, e la comprensione che la coscienza continua dopo la morte è spesso sommariamente scontata e ridicolizzata.

Dubito fortemente che molte persone che hanno partecipato alla mostra si siano soffermate a riflettere sul fatto che continuerebbero ad esistere dopo la morte e, in tal caso, come? E perché siamo qui comunque? Questo è stato portato a casa quando, poco prima di raggiungere la scala del “giudizio”, ho notato una lavagna, con uno stile di impiallacciatura di papiro, con una domanda pertinente scritta in alto.

Cosa porteresti con te nell’aldilà?

Buona domanda. Una penna pendeva dal tabellone, invitando le persone a scrivere la loro risposta da sotto. Le risposte andavano dal sentimentale, al mondano, allo sciocco.

Come risponderesti alla domanda?

Alcuni volevano portare con sé amici e parenti, mentre altri volevano prendere cose come il loro iPhone, il trucco, la band preferita, la squadra di football, la rockstar preferita, la cioccolata, l’alcol e così via.

Una “macchina del tempo” è stata forse l’unica risposta intelligente. Potrei vedere il beneficio di questo se ti rendessi conto che hai perso la vita. Non penso che sia davvero un’opzione comunque.

Questo ha portato a casa come non prendiamo la morte e il significato delle nostre vite da nessuna parte così seriamente come dovremmo oggi. Gli antichi sapevano molto di più sulla vita e sulla morte di noi. Abbiamo perso la loro antica saggezza e con essa la comprensione della straordinaria opportunità che la nostra esistenza in questo universo presenta.

Questo è un problema serio. La nostra coscienza continuerà ad esistere senza il corpo. Ma se non mettiamo in discussione la nostra esistenza e perché siamo qui, non risveglieremo la coscienza e non raggiungeremo mai il nostro vero potenziale.

Esperienze di pre-morte e realtà dell’esistenza oltre il corpo

L’esistenza dopo la morte non è qualcosa che gli antichi egizi hanno inventato. I concetti di un aldilà sono così comuni in tutte le culture geograficamente isolate in tutto il mondo che non può essere semplicemente liquidato come una coincidenza. Ci possono essere differenze culturali nei dettagli, ma la comprensione che continuiamo a esistere senza il corpo è stata praticamente universale per migliaia di anni.

In effetti, la sepoltura dei morti e la realizzazione di un aldilà sono considerati alcuni dei più importanti segni distintivi dello sviluppo culturale nelle persone dell’età della pietra. Era un segno di intelligenza che distingueva le persone dagli animali e apriva la strada allo sviluppo.

Le esperienze di pre-morte (NDE) forniscono prove convincenti e aneddotiche che le mitologie del mondo dopo la morte condividono una vera fonte comune e che la coscienza esiste al di là del cervello. Nelle NDE, le persone che sono clinicamente morte o vicine alla morte passano attraverso esperienze che seguono uno schema con tratti universali, che essi richiamano dopo essere stati rianimati.

Questi includono un’esperienza fuori dal corpo, dove lasciano il loro corpo e si rendono conto di essere separati da esso, forse vedendo il loro corpo disteso sotto di loro. Poi possono intraprendere un viaggio, che può presentare aspetti comuni come il viaggio attraverso un tunnel, e una revisione della vita, in cui una persona viene mostrata tutto ciò che ha fatto e sente gli effetti delle sue azioni verso gli altri, siano essi buoni o cattivi.

Sebbene alcuni scienziati ipotizzino che questi fenomeni possano essere causati dal cervello, la realtà è che queste esperienze si sono verificate quando i pazienti sono clinicamente morti nel cervello e non è stato dimostrato che queste esperienze siano prodotte biologicamente. Inoltre, non vi è alcuna prova definitiva che la coscienza sia prodotta dal cervello in ogni caso, sebbene questa sia un’assunzione fortemente radicata tra coloro che sono radicati nelle credenze materialistiche.

Le NDE sfidano le rigide credenze materialistiche sulla vita. Alla luce della prevalenza e della comunanza delle NDE, alcuni scienziati suggeriscono ora che la coscienza interagisce con il cervello piuttosto che essere prodotta da esso. Piuttosto, il cervello è un canale attraverso il quale la coscienza può esprimersi, proprio come un computer è un canale per Internet, ma Internet continua a esistere quando il computer è spento.

Le NDE sono sempre più segnalate nel mondo moderno a causa dei miglioramenti nell’assistenza sanitaria che portano a un maggior numero di persone che vengono rianimate, ma sono anche un fenomeno antico. La ricerca dello studioso Gregory Shushan ha scoperto che ci sono esperienze universali dell’aldilà che hanno sostenuto sia i moderni racconti delle NDE che le antiche mitologie dell’aldilà.

La sua ricerca ha coinvolto un’approfondita analisi comparativa delle concezioni dell’aldilà di cinque antiche civiltà (Egitto antico e medio-regno, Mesopotamia sumerica e vecchia babilonese, India vedica, Cina pre-buddista e Mesoamerica precolombiana) e li ha confrontati con i moderni conti delle NDE .

Dimostrò che, sebbene ci fossero alcune variazioni nei dettagli basati sull’origine culturale, esistevano specifiche ricorrenti somiglianze che riapparvero troppo coerentemente per essere una mera coincidenza, suggerendo che,

La vita è un’opportunità per risvegliare la coscienza

Comprendendo che sei coscienza e continui ad esistere senza il corpo, ti risveglia nell’immagine più grande della vita. Mette tutta la tua vita in prospettiva.

In una recensione sulla vita delle NDE, le persone tendono a vedere che ciò che conta davvero nella vita non è quanti soldi hanno fatto o che cosa hanno ottenuto in un determinato campo, ma come hanno trattato gli altri e se hanno agito con amore. Queste esperienze tendono a cambiare la vita delle persone, ispirandole ad essere più spirituali

Scoprire che esisti al di là del corpo può essere una rivelazione che cambia la vita

Non abbiamo bisogno di avere una NDE per verificare che esistiamo senza il corpo, o per avere esperienze che cambiano la vita. Attraverso la proiezione astrale, possiamo avere esperienze volontarie dal corpo e usare queste esperienze mistiche per conoscere noi stessi e apportare cambiamenti positivi nelle nostre vite.

Rendersi conto che esistiamo oltre il corpo possiamo aprire la porta al risveglio. Ti rendi conto che ciò che conta davvero nella vita non è ciò che otteniamo fisicamente, ma lo sviluppo della coscienza.

Quindi la domanda “cosa porterai con te nell’aldilà” diventa molto più significativa.

Non puoi prendere cose fisiche con te quando muori come il tuo iPhone, ma puoi prendere coscienza. Poi vedi che l’attenzione sull’aldilà nelle antiche culture non era una preoccupazione per la morte, ma una profonda comprensione della vita, e come viverla nel modo più significativo per portare benefici spirituali a te stesso e agli altri, i cui effetti continuano dopo la morte.

Stati come la rabbia, l’avidità e l’odio hanno le loro conseguenze nel mondo che sono già abbastanza gravi, ma chi vuole portare questi stati con loro nell’aldilà? Se questi stati non portano felicità qui, perché li trascini via dopo la morte?

Espressioni di coscienza come l’amore, la saggezza e la pace interiore sono qualità molto migliori da portare dentro. Risvegliando ed esprimendo la coscienza in un mondo pieno di ignoranza, odio e oscurità, non solo aiutiamo a rendere il mondo un posto migliore, ma continuiamo a portare queste qualità spirituali nella nostra coscienza quando il nostro corpo viene lasciato indietro.

Capire questo è così importante oggi.

Viviamo in una società bombardata da propaganda e intrattenimento controllati dall’elite che non solo nasconde le agende più oscure che operano nel mondo, ma copre le persone nell’ignoranza, impedendoci di scoprire il potenziale più profondo della nostra coscienza e responsabilizzandoci sforzandoci di risvegliarci – che ci permette di liberarci dalla morsa dell’oscurità che esercita la sua influenza sull’umanità.

Non riuscire a svegliarsi a questa agenda ha implicazioni nel mondo, e anche per la nostra coscienza, ed è la coscienza che conta davvero, sia nella vita che oltre.

Quindi cosa porteresti con te nell’aldilà?

error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: